Riso specifico per la produzione del nihonshu - Scuola italiana sake
16709
post-template-default,single,single-post,postid-16709,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-3.1.6,qi-blocks-1.2.7,qodef-gutenberg--no-touch,woocommerce-no-js,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.6.9,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,transparent_content,columns-4,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-30.4.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-7.5,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-15827

Riso specifico per la produzione del nihonshu

C’è riso e…riso da sake.

Alla vigilia del primo corso sul nihonshu che si terrà il 10 marzo a Firenze e in attesa di presentarvi gli altri eventi sulla birra giapponese della Scuola Italiana Sake, vi presentiamo qui un articolo che farà da ponte con il corso per Sommelier del riso (ancora pochi posti disponibili) che stiamo organizzando in collaborazione con un’importante realtà riconosciuta a livello nazionale. Buona lettura.

Il riso è uno degli ingredienti fondamentali per la produzione del sake, ma va bene qualsiasi tipo di riso?